Stefania

Stefania




Sono sempre stata un miscuglio pirotecnico di numeri, squadre, goniometri e calcoli.

I progetti a mano libera mi hanno sempre affascinata, li ho sentiti miei e li ho modellati nella testa prima che sulla carta.

Poi sono arrivati i computer, i programmi, gli schemi a monitor. E anche lì non ho faticato a farli diventare miei, tra un’elucubrazione mentale e l’altra.

Mi vedo così, proiettata dentro a progetti che sanno di futuro, dove nelle cose più piccole può stare una estensione infinita. Forse perché sono donna. Lo so che posso far stare di tutto dentro una borsetta. Abbiamo tutte questa capacità innata di rendere un meno un grande più.

Sono fatta così anche adesso a distanza di anni e disegni consegnati, in un mondo da geometra che alla fine però ama anche tanto raccontare di poesia. Perché ho il senso del tempo ma anche dell’infinito e dove inizia uno talora è sicuro che anche l’altro ci può stare benissimo.

Ho un grande amore nella mia vita. È il mio ragazzo dai capelli bruni e dagli occhi dolci. Per lui ho progetti che non stanno su un foglio, né di numeri né di rime. Ma è un progetto su cui ho intenzione di lavorare ancora per parecchio tempo, perché si sa che le cose migliori richiedono pazienza e molta premura.

Per questo sono in A.N.D.O.S. Perché mi piace far parte di un gruppo di donne che nella loro incredibile diversità e bellezza si ritrovano a vivere un momento di debolezza e ne fanno un punto di forza. Non un arrivo ma una partenza.

Stefania